Blog

Legislazione relativa alle caffetterie nei Paesi Bassi

Dopo mezzo secolo che esistono caffetterie, la maggior parte degli olandesi è abituata alla presenza di negozi che canapa vendere in pubblico. Tuttavia, non è così ovvio come potrebbe sembrare a prima vista, come le leggi che regolano la vendita di erba e hash nei Paesi Bassi è a dir poco "speciale". Questo ha tutto a che fare con la cosiddetta politica di tolleranza, che è un fenomeno esclusivamente olandese. Puoi leggere questa legislazione in questo blog.

Politica di tolleranza

Per ottemperare alla normativa vigente in materia di vendita di canapa per capirlo bisogna risalire ai primi anni '70. Sempre più problemi sono sorti nella società a causa dell'aumento principalmente delle droghe pesanti, come l'eroina. Il governo ha ritenuto necessario operare una distinzione tra droghe pesanti e droghe leggere per affrontare il problema in modo più efficace. Persone che ne erano in possesso canapa, che era classificata come una droga leggera, ora non erano più perseguibili, a condizione che non avessero troppo in tasca. Anche la vendita di cannabis è stata condonata a causa della distinzione, a condizione che i punti vendita aderissero a determinate regole. Così è nata la politica della tolleranza!

Regole più severe

Grazie alla politica di tolleranza in merito canapa, che è ancora unico al mondo, ha creato un clima favorevole per le caffetterie. Fino alla metà degli anni '90 non sembrava esserci alcun freno all'aumento del numero di negozi di cannabis, ma normative più severe dal 1996 in poi hanno visto un forte calo del numero di negozi. L'età per l'acquisto di erba salì e le caffetterie potevano avere solo uno stock non superiore a 500 grammi nel negozio.

Situazione attuale

Le leggi sui coffee shop sono cambiate poco da allora, tranne che nel 2007 quando è stata vietata la vendita di alcolici nei negozi di cannabis, e dal 2014, i coffee shop devono trovarsi ad almeno 350 metri da una scuola. Tuttavia, l'ultima regola sembra essere difficile da applicare nella pratica ed è anche gestita in modo flessibile. Negli ultimi anni ci sono stati anche esperimenti con un "pass per l'erba", con il quale si poteva ottenere l'erba solo come membro registrato in un determinato bar. Questo esperimento ha portato a un maggiore commercio illegale per strada, quindi è stato rapidamente interrotto.

La porta sul retro illegale

Per il momento, l'intera legislazione sui coffee shop è ancora viziata, affermando che possono vendere legalmente la loro erba, ma che devono acquistare questa erba da coltivatori illegali. Di conseguenza, c'è spesso del crimine dietro la porta sul retro dei coffee shop su cui il governo non ha alcun controllo. Inoltre, la qualità del erbaccia in molti casi questo non può essere garantito, perché i coltivatori devono lavorare in clandestinità e non sono monitorati. Nonostante il fatto che questa legislazione illogica causi problemi, ha anche creato l'opportunità per le caffetterie nei Paesi Bassi di prosperare con tutte le conseguenze positive che potrebbero esserci. Al momento della stesura di questo blog, non sembra che la legislazione sulla cannabis nei Paesi Bassi cambierà a breve termine. Per il momento, la cannabis non rimarrà legale, ma tollerata.


Seleziona un punto di consegna

Il mio carrello
Il tuo carrello è vuoto

Sembra che tu non abbia ancora fatto una scelta.