DutchEnglishFrenchGermanItalianSpanish

Blog

Quante caffetterie nei Paesi Bassi e ad Amsterdam?

Come olandese li hai sicuramente incontrati durante una passeggiata per la tua città. Le caffetterie sono un fenomeno tipicamente olandese emerso negli anni '70 e che ha assunto la forma attuale. Oggigiorno, la caffetteria è diventata parte integrante della grande città ed è un fenomeno che si è diffuso in tutto il paese senza eccezioni. Quante caffetterie ci sono oggigiorno nei Paesi Bassi e quale parte di esse si trova nella capitale del nostro paese?

Politica di tolleranza

Grazie alla legislazione flessibile del governo, si è creato un clima in cui era possibile in modo 'legale' prodotti a base di cannabis vendere. Da allora, nei Paesi Bassi sono state aggiunte sempre più caffetterie, ognuna con il proprio aspetto e atmosfera. Certamente nei primi anni c'erano poche regole, e le regole che esistevano erano molto flessibili. La politica di tolleranza è stata il risultato della distinzione tra droghe leggere e pesanti, che il governo olandese ha ritenuto necessaria. Secondo loro, le droghe leggere non erano dannose e dirompenti per la società come le droghe pesanti, quindi la polizia e le forze dell'ordine erano meno preoccupate di individuare e punire il commercio e l'uso di droghe leggere.

Regole e leggi più severe

In questi primi anni sorsero caffetterie (legali), raggiungendo un picco di circa 1500 caffetterie nei Paesi Bassi negli anni '90. Inoltre, c'era ancora un gran numero di caffetterie "sotterranee" che non avevano uno status legale o riconosciuto. La situazione è cambiata alla fine degli anni 'XNUMX, quando è stata introdotta una legislazione più severa per il commercio di erba e... hash. Dall'inizio del millennio, quindi, il numero delle caffetterie è diminuito, fino a stabilizzarsi a un numero piuttosto fisso intorno al 2016.

Lo stato attuale delle cose

Le caffetterie olandesi sono suddivise in 102 comuni di caffetterie. Tutti questi comuni hanno una politica delle caffetterie in cui viene fissato un numero massimo di caffetterie consentite in quel comune. In circa l'85% di questi comuni di caffetterie, il numero di caffetterie operative è pari al numero massimo stabilito. Ciò dimostra che il panorama delle caffetterie nei Paesi Bassi è in gran parte saturo. Alla fine del 2020 c'erano un totale di 564 caffetterie nei Paesi Bassi. Di gran lunga la maggior parte di questo si trova nella capitale Amsterdam. Questi negozi soddisfano quindi la maggior parte della domanda di canapa nel paese, soprattutto tra i turisti.

futuro

Il (prossimo) futuro della caffetteria olandese come fenomeno probabilmente differirà poco dal presente. Per molti olandesi, la caffetteria è un luogo popolare ed è semplicemente radicata nella cultura olandese. Nel campo della legislazione relativa ai negozi che canapa vendere poco o nulla è cambiato, e questo mentre interessanti sviluppi politici si verificano in un numero sempre maggiore di paesi, inclusa la nostra vicina Germania. Gran parte del turismo della cannabis nei Paesi Bassi, e in particolare ad Amsterdam, è ovviamente guidato dalla mancanza di erba "legale" e di alta qualità e hash in quei paesi da cui provengono i turisti. Se questi paesi legalizzano e regolano la vendita di erba, è una logica conseguenza che il turismo della cannabis nei Paesi Bassi e ad Amsterdam diminuirà drasticamente. Questo a sua volta può avere conseguenze sul numero totale di caffetterie.


Seleziona un punto di consegna